Sala Stampa

Intervista post-gara a mister De Massimi: "Vetta? Crescere è la parola chiave"

0000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Il tecnico della Vjs Velletri analizza la gara di Sezze vinta 1-0 e il momento dei rossoneri, che salgono a 29 punti.

Mister De Massimi, anche a Sezze su un campo impraticabile la Vjs Velletri passa con Cassandra. Era una gara con qualche pressione in più, visto che si è giocata in posticipo e con i risultati delle altre già noti che hanno obbligato la squadra a vincere? 

Parlo ai ragazzi nella preparazione delle gare coinvolgendo un po' tutto lo spogliatoio e spiegando che la motivazione che scende in campo siamo unicamente noi, il nostro metodo, la nostra ricerca di gioco, la nostra mentalità...Queste le caratteristiche di una squadra che non deve mutare davanti a nessuno. Insomma vorrei gli stessi occhi contro ogni avversario.

Per tutti i novanta minuti i rossoneri hanno condotto il gioco e hanno fatto la partita, ma nel secondo tempo in due occasioni è servito il miracolo di Bernardi: qualche rischio di troppo o qualche calo di concentrazione che non deve essserci, contro un'avversaria modesta? 

Assolutamente i cali di concentrazione non possono rientrare tra gli atteggiamenti di chi fa dell'ordine tattico un proprio pregio. Però sono anche convinto di giocare sempre contro qualcuno e saper difendere e aspettare non sia vergogna ma talvolta bravura altrui. Certo noi abbiamo un DNA d'attacco intelligente.

Alla ripresa vi aspetta il Real Aprilia: sono al riparo dalle zone rosse e lontani dalla griglia play off. Contro una squadra che non ha nulla da perdere, come si arriva al risultato? 

Contro l'Aprilia giocheremo al rientro dalla sosta. Squadra in salute e che diverte nel tabellino con goal fatti e goal presi in abbondanza. Credo proprio che allo "Scavo" il 6 gennaio vedremo una gara spettacolare, con due squadre che si daranno battaglia, sportiva naturalmente.

La pausa (si torna in campo il 6 gennaio) vi preoccupa? Qual è il programma stilato insieme al suo staff per queste festività, onde non perdere il ritmo e la condizione?

No, la pausa non preoccupa. Era già in calendario da tempo e per questo anche la programmazione del lavoro era stata già indirizzata al carico delle ultime quattro settimane che atleticamente durante le sedute diciamo si sono fatte sentire. Abbiamo messo qualche litro di benzina nelle gambe in più, non contando solo quindici giorni ma spalmandoli su più tempo.

Il Nuovo Latina Isonzo ha operato il sorpasso che si annunciava da settimane, viste le gare di recupero: essere secondi in classifica a fine anno è una 'delusione' o ci avresti messo la firma?

Prima delle festività siamo a due punti dalla vetta. Vedendo il nostro cammino posso solo dire che non ci poniamo limiti. Non ci sediamo e non ci sentiamo neanche in paradiso: crescere é la parola chiave, crescere fino a diventare certezza. Per noi e il nostro impegno, per la società e per chi fa della Vjs Velletri un pezzettino importante delle proprie domeniche. Ecco proprio al mondo Vjs faccio un milione d'auguri per le festività e li ringrazio per il sostegno e il calore, dal primo all'ultimo tifoso della Vjs.

Visite

0601876
Oggi
Ieri
Questa Settimana
Scorsa Settimana
Questo Mese
Scorso Mese
Totali
157
966
3236
3696
10593
24539
601876